Nel Pantheon, il meglio conservato monumento della Roma antica, la più grande cupola antica, sono sepolte 11 persone note. Tre sono i Savoia Reali, Vittorio Emanuele II, morto nel 1878, che voleva essere sepolto nella basilica di Superga, Umberto I, assassinato nel 1900 figlio di Vittorio Emanuele II, che accettò la proposta del comune di Roma di tenere la salma del padre nella capitale, e sua moglie, la Regina Margherita, morta nel 1926. Gli altri sono il musicista Arcangelo Corelli, lo scultore Flaminio Vacca, nonché i pittori Taddeo Zuccari e Perin del Vaga. Vi giace anche Giovanni da Udine, che completò le Logge Vaticane note con il nome del suo maestro Raffaello. Quest’ultimo è il più noto dei sepolti nel Pantheon e giace insieme a Annibale Carracci e Baldassarre Peruzzi.

Raffaello morì a soli 37 anni dopo 15 giorni di febbre acuta e fu sepolto nel Pantheon come aveva chiesto. Per il suo epitaffio Pietro Bembo, famoso umanista detta un distico latino: «Qui giace Raffaello dal quale, lui vivente, la natura temette di essere vinta e, lui morente, di morire anch’essa». La tomba di Raffaello era ritenuta essere sotto la Madonna del Sasso, commissionata da Sanzio al suo allievo Lorenzo Lotti. Nonostante tradizionalmente la tomba di Raffaello fosse ritenuta quella del Pantheon, per secoli, fino all’800 la vera collocazione della salma all’interno del tempio era andata perduta. E’ il 1833 quando si decide di scavare alla ricerca della salma. Lavori segretissimi, noti solo a 75 persone fra prelati, i presidenti dei Virtuosi del Pantheon, dell’Accademia di San Luca e archeologi e un notaio. Iniziano il 9 settembre del 1833. Un metro e 20 sotto l’altare della Madonna del Sasso, solo tanti anonimi scheletri e ossa. I due architetti responsabili, pensano di guardare dietro l’edicola della Madonna del sasso, dove c’era una tra le tante case allora addossate al monumento. E in cantina, cinque giorni dopo, trovano un piccolo arco, con tracce dei marmi che un tempo lo ornavano. Conduceva ad un cunicolo in cui fu ritrovata una cassa di legno parzialmente inglobata nel cemento della parete. Lo scheletro era illeso e dottori dichiararono (su quali basi?) che erano proprio le spoglie mortali di Raffaello. Dai musei vaticani fu inviato un sarcofago antico e un nuovo funerale si tenne il 18 ottobre dello stesso anno.

Prenota uno dei nostri bike tour e scopri i segreti e le curiosità della Città Eterna 🚲🚲🚲 wheelybikerental.com

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Informazioni sulla privacy

Per il funzionamento del sito, WHEELYBIKERENTAL.IT installa sul dispositivo, computer e/o periferiche mobili, dell’utente dei piccoli files di testo chiamati “cookies”.
I cookies sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.
I cookies tecnici servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.
Alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure senza il ricorso a tali cookies, che consentono di effettuare e mantenere l’identificazione dell’utente nell’ambito della sessione, risultando quindi indispensabili.
I cookies analitici sono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del sito al fine di migliorarne l’utilizzo per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookies raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul sito, quali pagine visitate, tempo di permanenze, origini del traffico, provenienze geografica, interessi ai fini di campagne di marketing e sono inviati dal sito stesso o da domini di terze parti esterni al sito.
I cookies per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti, quali ad esempio la condivisione di contenuti del sito sui social network, software per generare mappe e software che offrono servizi aggiuntivi, sono inviati da domini di terze parti.
I cookies di profilazione sono utilizzati per creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente con la navigazione sul web e sono inviati da domini di terze parti esterni al sito.
WHEELYBIKERENTAL.IT utilizza solo cookies tecnici necessari a fornire i servizi richiesti. Questi cookies possono abilitare alcune funzioni, senza le quali non sarebbe possibile utilizzare appieno il sito web e vengono trasferiti sul dispositivo dell’utente solo durante la sessione di utilizzo del browser.
I cookies possono essere disattivati e/o eliminati attraverso le impostazioni del browser. La procedura da seguire per modificare le impostazioni internet ed esprimere le preferenze sui cookies dipenderanno dal browser utilizzato. Tali impostazioni sono di norma reperibili nel menu “opzioni” o “preferenze” del browser.
Secondo la normativa vigente WHEELYBIKERENTAL.IT non è tenuto a chiedere il consenso per i cookies tecnici necessari a fornire i servizi richiesti.
WHEELYBIKERENTAL.IT potrebbe contenere collegamenti ad altri siti web che dispongono di una propria informativa sulla privacy e quindi WHEELYBIKERENTAL.IT non risponde di questi siti.
Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookies pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

Chiudi